5 fatti sull’energia solare
10/07/2018
32% di energia, rinnovanile entro il 2030
10/07/2018

Quando un impianto fotovoltaico non funziona

In questo articolo vedremo quali sono i motivi principali per cui gli impianti fotovoltaici producono meno energia di quanto dovrebbero, il che può succedere anche se sono stati appena installati.

In genere le principali cause per cui un impianto fotovoltaico non funziona sono legate ali collegamenti, all’inverter o i moduli, ma possono esserci anche disturbi della rete.

Motivi per cui l’impianto produce meno energia.

  • Sporco sui pannelli, che sono detriti portati dal vento che impedisce ai raggi solari di raggiungere i pannelli
  • Ombreggiamenti dovuti a piante o costruzioni che fanno ombra impedendo ai pannelli di lavorare appropriatamente
  • Picchi di tensione e disturbi che vengono dalla rete elettrica possono disturbare il funzionamento dell’impianto. Perdite di produzione dovute ai componenti elettrici, stimata normalmente al 2%.
  • Un guasto nell’inverter. Di solito un inverter ha una garanzia di 10 anni e se non si è coperti la riparazione potrebbe costare abbastanza. Se l’impianto è nuovo e già produce poco sarebbe bene controllare prima di tutto l’inverter. Le normali perdite di produzione dovute all’inverter sono dell’8%.
  • Anche le celle a volte potrebbero non funzionare, questo riduce il funzionamento di alcuni moduli perciò sarebbe bene trovare quelli che non funzionano e sostituirli. Per controllarli sarebbe bene fare un’analisi termografica. Normalmente ler perdite di produzione dovute ai moduli, sono del 3%.
  • I disturbi di rete sono uno dei problemi più riscontrato per il malfunzionamento di un impianto e la sua produttività (distacchi, sovratensioni, cadute).
  • Vari difetti come quelli ai diodi di bypass dei moduli, difetti ai dispositivi di sicurezza e protezione e altri.
  • L’Invecchiamento di un impianto può anche incidere sulla produttività di un impianto. Ovviamente non è un problema se l’impianto è nuovo. Le normali perdite di produzione dovute all’invecchiamento, sono dal 0.5 allo 0.8% per anno.

Per quanto riguarda il rendimento, l’orientamento ottimale per un pannello sarebbe verso sud. Se i pannelli sono inclinati verso sud la perdita di rendimento non supera il 5% rispetto all’orientamento ottimale ottenibile con un inseguitore, mentre se è rivolto verso nord può perdere fino al 50% della produzione energetica. Nell’emisfero sud del Pianeta la cosa è opposta.

Alcuni studi sostengono che un pannello su quattro non funziona correttamente (leggi “Pannelli solari, uno su quattro è da buttare”). Il malfunzionamento è dovuto a «scarsa qualità dei materiali, cattiva installazione, problemi alle cabine inverter». Si stima che le perdite di energia prodotta possa essere del 20-30%. Sunreport permette di controllare la produzione e l’efficienza dell’impianto evidenziando i malfunzionamenti e pertanto intervenire.

Speriamo di esservi stati d’aiuto e che l’argomento vi sia piaciuto. Da Sunreport 🙂

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *